PAOLA GONELLA - COUNSELOR

Sostegno individuale – Percorsi di coppia – Soft skills

PAOLA GONELLA - COUNSELOR

Sostegno individuale – Percorsi di coppia – Soft skills

COSA VUOL DIRE 'CRESCITA PERSONALE'?

Ciascuno di noi ha ben chiaro – perché lo ha visto letteralmente sulla propria pelle – il concetto di crescita fisica. Di trasformazione del nostro corpo a mano a mano che il tempo passava per noi. Un corpo che si è trasformato per effetto di un’evoluzione più o meno attesa, perché è comune a tutti noi esseri umani, e ancor più un’evoluzione del corpo e dell’espressione personale, esclusiva di ciascuno, della quale non sempre riusciamo a comprenderne le logiche profonde. Perché sono cosi? Perché io soffro sistematicamente di dolori di stomaco, mal di testa, nevralgie varie? Perché in questo periodo continuo a inciampare e cadere? Perché il mio fisico si sta in qualche modo deformando, e, se mi guardo allo specchio, vedo le mie labbra come una linea orizzontale se non anche ricurva verso il basso, i miei occhi spenti, mentre ricordo che in altri momenti avevano una luce diversa? Quanto del nostro cambiamento fisico e del nostro benessere dipende da ciò che abbiamo vissuto fino ad ora e, ancor più, dalle scelte che facciamo ogni giorno?

PENSIERI – EMOZIONI/SENSAZIONI – COMPORTAMENTI/AZIONI

Tre livelli del nostro essere – come si dice, nel ‘qui-e-ora’ – che sono sempre e sistematicamente allineati. in ogni singolo istante della nostra vita, i nostri pensieri si accompagnano a sensazioni fisiche o emozioni, richiamate dalla nostra memoria in modo immediato, istintivo, automatico. E ogni emozione o sensazione fisica muove i nostri muscoli e condiziona il nostro fisico, immediatamente nelle espressioni somatiche, e, nel tempo, modificando il nostro apparire. Quanti nascono ricurvi o con dolori di schiena o con situazioni fisiche croniche, che nel tempo diventano situazioni cliniche. Tanti pensano di “essere fatti così“ e cominciano quindi ad accettare le manifestazioni del proprio corpo come “normali per noi“. In effetti lo sono. Lo sono, o meglio lo sono diventate, così come i pensieri abituali e le emozioni conseguenti. 

Pensieri, emozioni, azioni sono strettamente allineati. Possiamo modificarli in ogni istante partendo da uno dei tre. Ad esempio, in questo preciso momento possiamo richiamare alla mente un momento piacevole della nostra vita e scoprire che a quel pensiero si associa immediatamente un’immagine e quindi l’emozione che provammo allora, e il sorriso appare sul nostro volto. Allo stesso modo possiamo imporci di sorridere e, in modo immediato, ci sentiamo più leggeri nel nostro sentire interiore e nei nostri pensieri. Mens sana in corpore sano dicevano i latini.

Allenando il nostro corpo avremo una mente più lucida e sana. Allo stesso modo, allenando un pensiero positivo e attivo, aiutiamo il nostro corpo verso un benessere generale.

UN’ABITUDINE CHE INIZIA DAI PRIMI MOMENTI DI VITA.

Noi nasciamo, muoviamo i primi passi e cresciamo all’interno di un nucleo originario, la famiglia, all’interno della quale impariamo a essere visti e a vedere l’altro, ad essere amati e ad amare l’altro, a trovare riconoscimento dei nostri bisogni e a scoprire come realizzarli in modo dignitoso rispettoso e utile per noi. In relazione a come sono andate le cose nei primi sette-otto anni di vita per noi, abbiamo dato significato agli eventi e a ciò che ci è accaduto, nell’ambiente. Ci siamo formulati quello che Eric Berne definisce un ’copione’ di vita. Abbiamo definito cioè ‘il film’, di come é la vita per noi. Da quel momento in poi, la nostra mente – che cancella, semplifica, generalizza per risparmio energetico, velocità e quindi sopravvivenza – tenderà a riconfermare il copione e dimostrare che “è giusto“ e che “ha ragione”. E proseguiremo così fintanto che ci andrà bene e che ne avremo in qualche modo un tornaconto per noi utile, non necessariamente positivo, ma utile al nostro copione. 

Il punto è quando non andrà più bene. Quando ci sentiremo in sofferenza, continueremo ad avere riscontri indesiderati che non ci andranno più bene, quando ci accorgeremo di questa ripetitività delle situazioni, che ci troviamo a vivere e non ci piacerà più.

DA QUI INIZIA LA NOSTRA CRESCITA PERSONALE.

Inizia dalla decisione di voler evolvere, di voler ascoltare un bisogno profondo di cambiamento e metteremo azioni. Ogni azione è un comportamento che corrisponde ad emozioni e pensieri. Se questo è diverso dal nostro solito comportamento, scopriremo che sarà una grande opportunità per noi. Mettere una contro-azione e quindi una azione diversa, a volte contraria a quella automatica che abbiamo sempre agito secondo il nostro copione diventato abitudine, ci dà l’opportunità di poter osservare emozioni e pensieri diversi, comprendere se ci piacciono o meno, sperimentare che possiamo farcela a cambiare. La crescita personale è strettamente individuale ed è un percorso importante che può essere accompagnato utilmente da un professionista che ci agevola, fungendo a volte da specchio, e ci accompagna, permettendoci di superare la paura di un nuovo inizio o di una evoluzione. 

LA CRESCITA PERSONALE PUO’ PREVEDERE PERCORSI INDIVIDUALI, DI COPPIA, DI GRUPPO

In ciascun incontro, le persone hanno modo di affrontare i nodi importanti della propria vita, individualmente per scioglierli e superarli verso un obiettivo desiderato, oppure scoprendosi e rinforzandosi nella relazione a due, oppure ancora in gruppo con altre persone che condividono una copione simile al nostro e difficoltà simili alle nostre. Un passaggio importante, quello della condivisione e della dichiarazione esplicita delle proprie difficoltà, che ci permette di scoprire in primis il nostro essere profondamente umani e, con questo, le nostre fragilità. Scopriamo di non essere soli, di sapere di poter affrontare il percorso insieme sapendo di poter osservare ed essere osservati e quindi di essere riconosciuti anche nelle proprie fatiche e nei propri risultati.

SCRIVIMI